a

Menu

Logo digiko nella versione negativa

Consulenza SEO

SEO – Come Funziona l’Ottimizzazione SEO per il posizionamento su Google e come scegliere un consulente SEO o un’Agenzia SEO.

LA SEO E
L’OTTIMIZZAZIONE DEI SITI WEB

Cos’è la SEO? Definizione, Significato e Obiettivi dell’Ottimizzazione di Siti Web .

Tutti parlano di SEO, ma cos’è la SEO e cosa significa l’acronimo S.E.O? Quali sono gli obiettivi dell’ottimizzazione dei motori di ricerca e quali misure possono essere impiegate per raggiungere lo scopo?

In questa sezione, faremo chiarezza sul tanto discusso argomento, ma non dimenticare di contattarci qualora avessi bisogno di una consulenza SEO o un’agenzia SEO su cui fare affidamento per la tua attività.

Bene, iniziamo!

U

IL SIGNIFICATO DEL TERMINE S.E.O

Cosa significa S.E.O?

SEO è un’abbreviazione del termine inglese “Search Engine Optimization“, che in italiano non significa altro che ottimizzazione per i motori di ricerca.

Per definizione, identifica tutte le misure che portano un sito web ad essere posizionato il più in alto possibile nei risultati organici (SERP), cioè non pagati, dei motori di ricerca per termini di ricerca pertinenti (keywords).

Se rifletti sul tuo comportamento di ricerca su Google, Bing e simili, sarai rapidamente in grado di rispondere alla domanda sul perché è importante essere presenti il più in alto possibile nei risultati di ricerca. Dopotutto, di solito clicchiamo su uno dei primi tre o sei risultati dopo una ricerca web.

Dato che le prime voci sono, molto spesso, annunci a pagamento, solo le prime posizioni ricevono molti clic. I siti web che non sono sulla prima pagina dei risultati di ricerca difficilmente ricevono visitatori dai motori di ricerca.

Quando hai guardato l’ultima volta i risultati nelle pagine successive alla prima?

Ottimizzazione SEO: obiettivi

Migliore è il posizionamento di un sito web sotto un termine di ricerca, migliore è la sua visibilità, maggiore è il tasso di click che portano visite al sito stesso (click-through), più visitatori può attirare e, idealmente, maggiore è il rientro di investimento.

Alla fine, si tratta di ottimizzare le vendite o, almeno, di aumentare la consapevolezza di un determinato sito web. Per non perdersi fra i miliardi di siti web e farsi notare, si ricorre all’ottimizzazione per i motori di ricerca SEO.

Le tecniche della SEO sono basate sugli algoritmi segreti dei motori di ricerca.

Grazie ad una moltitudine di criteri diversi, l’algoritmo determina il posizionamento di ogni sito web incluso nell’indice del motore di ricerca. L’algoritmo di Google è ormai così sofisticato che, in base alla nostra query di ricerca, ma anche, per esempio, al nostro precedente comportamento di ricerca e alla nostra posizione geografica, presenta risultati di ricerca in ordine decrescente di rilevanza che soddisfano in modo ottimale il nostro bisogno di informazione o di intrattenimento in quasi il 100% dei casi.

In effetti, l’obiettivo dei motori di ricerca è molto semplice: fornire la risposta più pertinente rispetto alla ricerca dell’utente.

Chiunque voglia migliorare la propria posizione nei risultati di ricerca deve prima conoscere i criteri su cui l’algoritmo basa i suoi calcoli. A causa della quota di mercato di Google, la quale è intorno al 95%, la SEO si concentra principalmente sui criteri del gigante americano.

E come sappiamo oggi, esistono almeno 200 criteri diversi, i quali cambiano regolarmente.

Posizionamento Google per il SEO Marketing, ma non solo

Anche se l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è usata principalmente in relazione al posizionamento Google, il termine non è usato generalmente senza motivo.

Infatti, oltre ai motori di ricerca che cercano in tutto il World Wide Web, ci sono anche motori di ricerca specializzati.

Uno di questi è A9, l’algoritmo di posizionamento di Amazon. Molte ricerche mirate di prodotti non vengono già più effettuate su Google, ma direttamente sulla famosa società di vendita online.

E proprio come per Google, un complicato algoritmo determina quale prodotto verrà mostrato in cima alla lista. L’esempio di Amazon rende ancora più chiaro quanto la posizione nei risultati di ricerca sia direttamente collegata alle vendite. L’esempio rende chiaro quanto si estende il campo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Anche all’interno di Google è possibile ottimizzare specificamente per diversi servizi, per esempio per la ricerca di immagini, spesso ingiustamente trascurata.

La gestione di un sito web è certamente il primo obiettivo dell’ottimizzazione classica dei motori di ricerca. Tuttavia, poiché non si tratta solo di ottimizzare la visibilità e la posizione, ma anche di aumentare il tasso di clic e di conversione, il SEO è molto di più.

Se un utente di un motore di ricerca clicca effettivamente su un risultato dipende anche dal design e dal contenuto del cosiddetto snippet, il piccolo estratto di testo (compreso il titolo della pagina) che rappresenta la voce del risultato sulla SERP.

Finché l’interazione desiderata non è conclusa con successo, vi sono altri ostacoli da superare.

f

LE MISURE DI OTTIMIZZAZIONE DEI MOTORI DI RICERCA

SEO On-Page e
SEO Off-Page.

Le misure di ottimizzazione dei motori di ricerca si dividono grosso modo in ottimizzazione on-page e off-page.

La SEO on-page include tutto ciò che dovrebbe essere considerato quando si progetta, si crea e si mantiene un sito web. Questo include, per esempio: la struttura dell’URL, le meta informazioni come il titolo e la descrizione della pagina, la marcatura dei titoli, la densità delle parole chiave, i testi alternativi per la grafica e, molto importante, l’idoneità verso i dispositivi mobili come smartphone e tablet.

La SEO off-page comprende tutti i fattori esterni che influenzano il ranking. Questi includono soprattutto il numero e la qualità, cioè la rilevanza, dei link in entrata e i segnali sociali, cioè le menzioni sui social network ecc.

6 Obiettivi della SEO

Se provi a scomporre l’ampio campo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca al suo nucleo, ci sono essenzialmente sei punti su cui dovresti concentrare la tua attenzione.

Per un successo tangibile, è importante concentrarsi sui punti che andremo a spiegare.

Coloro che lo fanno in conformità con le linee guida di Google non solo sopravviveranno ai famigerati aggiornamenti di Google e agli aggiustamenti dell’algoritmo, ma ne trarranno effettivamente beneficio.



LE KEYWORDS

Analisi delle Parole Chiave, le Keywords.

All’inizio di ogni ottimizzazione SEO c’è l‘analisi delle parole chiave. Il suo scopo è quello di scoprire tutti i termini di ricerca che entrano in gioco per il sito web che deve essere ottimizzato.

Nel secondo passo, è importante identificare i termini per i quali l’ottimizzazione è, effettivamente, utile.

Alcune combinazioni di parole, per esempio, hanno un volume di ricerca troppo basso. Molte parole chiave sempreverdi, d’altra parte, sono talmente competitive che bisognerebbe investire così tanto denaro, energia e tempo al punto che, lo sforzo, potrebbe non vale la candela.

Per valutare le keywords nel SEO Marketing ci si basa sostanzialmente su:

  • Volume di ricerca
  • Dipendenze temporali e/o legate ad eventi (vacanze estive, decorazioni natalizie, ecc.)
  • Tendenze
  • Situazione competitiva
  • Intenzione dei cercatori (ricerca di informazioni, intenzione di acquisto ecc.)
  • Tasso di conversione previsto
  • Importanza strategic
  • Potenziale di ottimizzazione
  • Singolare o plurale
  • Ordine delle parole
  • Sinonimi
  • Anglicismi
  • Ortografie alternative ed errori di battitura
  • Preoccupazioni legali dovute a marchi protetti o termini proibiti

Anche dopo che i primi passi di ottimizzazione sono stati fatti, è importante controllare regolarmente se il proprio set di parole chiave è ancora aggiornato o deve essere regolato.



VISIBILITÀ

La visibilità sui motori di ricerca.

Dopo le prime misure SEO, la visibilità sui motori di ricerca dovrebbe aumentare. Ciò dipende dal numero di termini di ricerca con cui un sito web appare nel motore di ricerca e, naturalmente, dalle posizioni occupate con queste parole chiave.

La visibilità può essere controllata, per esempio, tramite Google Search Console (ex Google Webmaster Tools). Non è solo importante fare il punto della situazione attuale, ma anche guardare lo sviluppo.
In particolare, gli sviluppi negativi devono essere esaminati criticamente rispetto alle misure di ottimizzazione precedenti. Possibili ragioni per le fluttuazioni nelle tendenze di visibilità sono:

  • Le proprie misure di ottimizzazione
  • Misure di ottimizzazione da parte dei concorrenti
  • Contenuto nuovo, cambiato o omesso
  • Contenuto duplicato
  • Guadagno o perdita di segnali esterni (link, like, condivisioni, ecc.)
  • Misure tecniche (per esempio l’esclusione di singole pagine o di intere directory)
  • Problemi tecnici (trasferimento del dominio, guasto del server, ecc.)
  • Penalità sui motori di ricerca
  • Modifiche all’algoritmo


LOCAL SEO

Posizionamento Google e Local SEO.

Anche se la visibilità dipende dalla posizione nei risultati di ricerca, al contrario, una buona visibilità non significa necessariamente buone posizioni sulla SERP di Google.

Per poter offrire agli utenti dei risultati di ricerca che siano il più possibile utili, Google fornisce risultati di ricerca personalizzati.

I motori di ricerca utilizzano le informazioni dei cookie, tra le altre cose, e cercano di analizzare il contesto in cui si trova la query di ricerca.
I risultati di ricerca legati al contesto sono anche e risultati di ricerca locale.

Esiste un’intera branca della SEO, la Local SEO, che si occupa di tutte quelle attività circoscritte e le cui keywords d’interesse sono limitate geograficamente. È il caso di parole chiave legate ad alcune attività come: “massaggi Padova”, “ristorante Caltanissetta”, “Vendita Piastrelle Genova” ecc.

Al di là della Local SEO, per verificare il proprio ranking, è quindi di scarso aiuto inserire semplicemente il termine nello slot di ricerca.

La stessa persona può anche ottenere risultati completamente diversi per lo stesso termine di ricerca, per esempio se cambia computer o luogo.
Tuttavia, ci sono modi per ottenere risultati di ricerca neutrali. Per esempio, quasi tutti i browser ora hanno una modalità in incognito o privata.

Come già discusso, la classifica dipende in definitiva da un gran numero di criteri diversi. Quella che segue è una piccola selezione, il cui ordine non è rilevante:

 

  • Qualità e preparazione del contenuto
  • Architettura dell’informazione
  • Facilità d’uso del sito web (per esempio, la navigazione)
  • Velocità di caricamento del sito web
  • Accessibilità
  • Mobilità
  • Collegamento interno
  • Backlink pertinenti all’argomento
  • Aggiornamenti e ampliamenti regolari del contenuto


IL RANKING SULLA SERP

Tasso di Clic.

Il ranking sulla SERP, da solo, è solo un indicatore del successo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Il passo successivo è far sì che gli utenti clicchino sul vostro link.

Una buona posizione è un ottimo prerequisito per questo, ma non è l’unica garanzia. Per verificare il successo del ranking, bisogna quindi controllare le visite effettive dei risultati organici di ricerca e metterle in relazione con la visibilità e la posizione.

Il parametro che ne deriva è click-through rate (CTR), la percentuale di clic sulle visualizzazioni.

Infatti, all’interno della SEO, vi sono molte altre possibilità oltre al ranking stesso per incrementare il tasso di CTR:

  • Snippet di base chiaro e attraente (titolo e descrizione della pagina)
  • Caratteri speciali che attirano l’attenzione nello snippet
  • Design dell’URL chiaro e comprensibile
  • Snippet estesi, i cosiddetti rich snippet, i quali occupano più spazio e attirano più attenzione (integrati da indirizzo, prezzo, data, rating, ecc.)
  • Branded snippets per marchi noti e affidabili
  • Maggiore integrazione verticale nel motore di ricerca (ricerca di immagini, notizie, mappe, ecc.)
  • Occupazione di posizioni aggiuntive attraverso spazi pubblicitari acquistati (Google Ads, Google Shopping, ecc.)
g

I PARAMETRI SEO

Comportamento degli Utenti, un Altro Parametro SEO.

Anche i clic hanno poco valore se il visitatore, alla fine, non trova quello che sta cercando sul sito.
Peggio ancora, i clic possono essere addirittura dannosi.

Anche i motori di ricerca misurano i segnali degli utenti e li incorporano nei loro algoritmi. Sulla base del comportamento dei visitatori di un sito web, il motore di ricerca classifica la pertinenza al termine di ricerca selezionato.

I seguenti fattori sono utilizzati per valutare la rilevanza:

  • Tasso di rimbalzo o tasso di ritorno al SERP.
  • Tempo di permanenza
  • Numero di pagine viste per visitatore
  • Tasso di conversione
  • Tasso di interazione / profondità di clic

Ci sono molti fattori che influenzano il comportamento dei visitatori.

Se una pagina si carica troppo lentamente, molti utenti si tirano indietro e preferiscono richiamare il prossimo risultato di ricerca.
Se il sito web è sopraffatto da un design sgargiante e confuso, il tempo trascorso sul sito è solitamente breve.
Se il visitatore impiega troppo tempo per trovare l’informazione desiderata, per esempio perché è nascosta in un lungo articolo, cercherà una fonte di informazione più precisa e veloce.

Raggiungimento degli Obiettivi SEO

Tutti gli sforzi SEO sono falliti, se l’obiettivo precedentemente definito non è stato raggiunto.

A seconda del sito web, questo può essere, per esempio, l’acquisto di prodotti, l’iscrizione a un evento o la partecipazione ad un concorso.

Ciò che conta in definitiva è il tasso di conversione, il quale, comunque, viene anche preso in considerazione dal motore di ricerca.

CONSULENZA SEO

Come scegliere un’agenzia.

Google si accorge di ogni cosa. Il suo algoritmo è complesso, sempre aggiornato ed estremamente efficace. In qualche modo, sempre più umano e cosciente delle vere intenzioni di chi fa SEO.

Per questo motivo, si dovrebbe scegliere sempre un’agenzia SEO affidabile. I parametri sono molti e, inoltre, la tempestività con cui si agisce sul web è importante. È molto più complicato conquistare una buona posizione e superare i competitors, piuttosto che mantenere la posizione guadagnata prendendo l’iniziativa.

Noi di Digiko possiamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi SEO senza lasciare nulla al caso.

Se hai bisogno di una consulenza SEO, contattaci!

Prenota 1 ora di consulenza gratuita

SEM, SEO O SEA?

Scopri che cos’è la SEM e di cosa si occupa.

Sviluppiamo strategie Sem incrementando la visibilità su internet.

A cosa servono
le strategie Sem?

A cosa servono le strategie SEM?

SEM, SEO O SEA?
Scopri che cos’è la SEM e di cosa si occupa.
Sviluppiamo le giuste strategie SEM, incrementando la visità su Internet.